Vetralla

6.9.2019

CoppariVetralla

“(…) Quello che il libro scoperchia è un autentico verminaio. Una storia di tangenti e appalti, di capitali che trovano riparo all’estero, di raccomandazioni, di festini e di sesso, di cricche e di prestanome; un intreccio perverso tra politica e affari, alla faccia del rigore e dell’onestà tanto proclamati dalla propaganda fascista. Vicende a tratti grottesche, con fughe rocambolesche, rotoli di banconote nascosti nell’acqua degli sciacquoni del water, tesori sepolti in giardino. Verbali di sequestro dettagliati e scrupolosi che testimoniano gli illeciti arricchimenti del fascismo: ville favolose, palazzi, pellicce, arazzi, gioielli scintillanti, fino al numero di posate in argento, all’ultima pantofola, calza e mutanda dei gerarchi inquisiti. Solo in piccola parte questi patrimoni torneranno nei bilanci dello Stato. Alla ribalta salgono nomi eccellenti. Si scopre ad esempio che Alessandro Pavolini, il Robespierre nero, ministro del Minculpop, boss del cinema di regime, è pronto a tutto, anche a cambiare le leggi, pur di far felice l’amante, l’attrice e icona sexy Doris Duranti (la prima, assieme a Clara Calamai, ad apparire sullo schermo con il seno nudo). L’integerrimo Roberto Farinacci, l’ideologo della purezza fascista, ha accumulato un patrimonio di centinaia di milioni: niente male per un ex ferroviere diventato avvocato copiando la tesi di laurea. Edmondo Rossoni, ex leader sindacale, considerato «la migliore forchetta del regime» e non solo perché usa pasteggiare con posate d’oro, si è invece costruito nel Ferrarese un vero e proprio impero immobiliare. Il mercimonio e la corruzione non risparmiano neppure le pratiche per ottenere l’arianizzazione: diversi ebrei per sfuggire in questo modo alle leggi razziste sono costretti a versare ai gerarchi fascisti pesanti tangenti. C’è poi Mussolini e i suoi «affari di famiglia», con gli intrallazzi di Galeazzo e Edda Ciano, l’avidità di donna Rachele e la rapacità del clan della famiglia della sua amante Claretta Petacci. Un libro necessario quello di Canali e di Volpini, che smitizza una volta di più le presunte virtù del fascismo italiano, che fu un regime dittatoriale, guerrafondaio e razzista e non brillò neppure per integrità morale, lasciando all’Italia repubblicana una triste e penosa eredità di corruzione della politica e della burocrazia”.

(dall’articolo di Mario Avagliano “La tangentopoli del duce” pubblicato su Il Mattino del 26 agosto 2019)

___________________________________________________________________________________

17.07.2019

L'immagine può contenere: 1 persona

_________________________________________________________________________________

25 .04.2019

VETRALLA FESTEGGIA IL 25 APRILE GIORNATA DELLA LIBERAZIONE

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi, albero e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, albero, cielo, spazio all'aperto e natura

_______________________________________________________________________________

24.04.2019

AnpiVetralla

__________________________________________________________________________________

L'immagine può contenere: 4 persone, tra cui Paolo Coppari, persone sedute, tabella e spazio al chiuso

Assemblea fondativa della Sezione “Renato Fabri” di Vetralla. Aula Consiliare del Comune di Vetralla – Domenica 14 aprile 2019. 

Be Sociable, Share!