Vetralla

13.2.2021

Comune di Vetralla – 27 gennaio 2021 Giornata della memoria

https://www.facebook.com/watch/?v=480089706317039

_______________________________________________________________________________________________

12.2.2021

Testo del messaggio inviato in data 6 gennaio 2021 dalla Sezione ANPI di Vetralla a tutte le scuole di ogni ordine e grado della provincia di Viterbo. A seguire, la lettera di presentazione e la scheda riassuntiva del percorso. A tutt’oggi sono giunte adesioni da parte di alcuni istituti di istruzione secondaria superiore di Viterbo e dell’Istituto Comprensivo “A. Scriattoli” di Vetralla, con i quali stiamo collaborando per l’implementazione del percorso. Volentieri condividiamo questa esperienza (di cui forniremo aggiornamenti in seguito) con il Comitato Provinciale e con le altre sezioni ANPI della provincia di Viterbo.
In occasione delle celebrazioni della “Giornata della Memoria 2021”, si sottopone all’attenzione delle SS.LL. la presente proposta di attuazione di un progetto educativo – didattico dal titolo “Percorso della Memoria: Le immagini della Narrazione”.
L’iniziativa viene proposta alle scuole statali di ogni ordine e grado della Provincia di Viterbo, in ottemperanza a quanto previsto dal prot. MIUR n. 550 del 30 gennaio 2018: “Trasmissione linee-guida nazionali per una didattica della Shoah nelle scuole”.
Lo svolgimento di tutte le attività connesse avverrà in sicurezza, nel rispetto delle vigenti normative previste dal  DPCM   11 marzo 2020  e successivi, utilizzando quegli strumenti (DAD e/o DDI) che verranno opportunamente concordati con le scuole interessate.
Per eventuali richieste di ulteriori informazioni e/o chiarimenti, contattare:
–      anpi.vetralla@yahoo.com
–      info@isemi.it
 In attesa di un cortese positivo riscontro, si ringrazia per l’attenzione.
F.to: per ANPI Vetralla Sez. “Renato Fabri” F.to: per Cooperativa Sciale “I Semi” – Vetralla
Paolo Coppari Mauro Franceschi

Alla cortese attenzione :
Dirigente Scolastico

Consiglio di Istituto
Collegio dei docenti

L’A.N.P.I. di Vetralla, in collaborazione con la Cooperativa Sociale “I Semi”, in occasione della celebrazione del
“Giorno della Memoria 2021”, con la presente sottopongono all’attenzione delle SS.LL. la proposta di un percorso
educativo – didattico dal titolo “Le Immagini della Narrazione”.
La proposta trae le sue motivazioni soprattutto dalle indicazioni contenute nel Protocollo d’Intesa ANPI-MIUR,
in particolare laddove si precisa che lo scopo è quello di “Offrire alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado un
sostegno alla formazione storica, dalla documentazione alla ricerca, per lo sviluppo di un modello di cittadinanza attiva” –
nonché nell’esplicitazione, nel documento stesso, del ruolo e dei compiti dell’ANPI in quanto associazione “… fortemente
impegnata ed interessata a valorizzare, soprattutto nelle scuole, la storia e le vicende della seconda guerra mondiale, la
Resistenza e la Guerra di Liberazione, a far conoscere a fondo la Costituzione e contribuire alla formazione dei giovani
non solo sul piano culturale ma anche sotto il profilo del civismo e dei sentimenti concretamente democratici”.
Si ritiene infatti che la scuola sia il luogo più idoneo per trasmettere alle nuove generazioni l’importanza della
memoria, e per diffondere i valori contenuti nella Carta Costituzionale e nella Dichiarazione dei diritti dell’uomo, e che sia
nostro compito dare spazio ad iniziative finalizzate a rendere le giovani generazioni consapevoli della necessità di
mantenere vigile la memoria per impedire che la tragedia del nazi-fascismo e gli orrori delle deportazioni e dell’Olocausto
possano ripetersi.
Come specificato nella scheda descrittiva che si allega alla presente lettera, il percorso prevede diversi tipi di
materiali e di strumenti da proporre alle classi, e si articola in diverse fasi di lavoro didattico che, a partire dagli stimoli
proposti per tramite di questi, si conclude con un concorso cui è stato dato il nome di “Le Parole della Memoria”.
La proposta di questo percorso non contiene indicazioni o suggerimenti di carattere prettamente metodologico-
didattico, in quanto si ritiene che tale aspetto sia di pertinenza esclusiva dei docenti e delle scuole che scelgono di
accoglierla. Come precisato in calce alla scheda che si allega, le scriventi associazioni restano comunque a disposizione
delle scuole e dei docenti impegnati per fornire – qualora richiesto – assistenza e collaborazione, sia sotto forma di
consulenza esperta che di disponibilità di materiali e/o documenti utili per la didattizzazione del percorso.
Ringraziando per la cortese attenzione che si vorrà concedere, e nella fiduciosa attesa di un positivo riscontro,
porgiamo distinti saluti.
Vetralla, li 06/01/2021
Per: ANPI Vetralla – Sezione “R. Fabri” Per: Cooperativa Sociale “I Semi”
F.to Paolo Coppari F.to Mauro Franceschi
Proposta di “Percorso della Memoria”: “Le Immagini della Narrazione”
 Finalità/Motivazioni
 celebrare la ricorrenza della Giornata della Memoria 2021 ;
 proporre un percorso di ricerca, di riflessione e di approfondimento su eventi significativi della storia
contemporanea;
 stimolare i giovani a riflettere sugli eventi passati e a confrontarli con gli stili di vita attuali e i modelli culturali;
 incoraggiare la volontà di riconoscere la scuola come luogo della conoscenza e come strumento per migliorare
le persone sia individualmente che su un piano collettivo e delle relazioni con l’altra/o.

 invitare le scuole a partecipare ad un concorso dal titolo “Le Parole della Memoria” ;
 Soggetti proponenti
 ANPI Vetralla
 Cooperativa Sociale “I Semi”
 Docenti, Educatori, Autori

 Destinatari

 Studenti delle Scuole secondarie di I e II grado della provincia di Viterbo
(percorso contenuto in proposta scritta inviata alle scuole) (*)

 Contenuti/materiali

a. Visione del film “Il fotografo di Mauthausen” – “El fotografo de Mauthausen” – del 2018, di genere
biografico, drammatico, storico, diretto da M. Targarona, con Mario Casas e Richard van Weyden. E’ la storia
di un fotografo e di un gruppo di prigionieri spagnoli che giungono al campo di Mauthausen dopo essere
stati consegnati alle SS dal generale Franco, il quale volle disfarsene in quanto oppositori politici. Visione in
modalità autonoma, o condivisa dalla classe in un momento comune in remoto, o a scuola (durata 110
minuti, distribuito da Netflix);
b. Visione del video fotografico “Le Rose di Ravensbrük” (raccolta di testimonianze dirette e fotografie che
raccontano dell’atroce quotidianità vissuta dalle protagoniste nel campo di prigionia di Ravensbrük). Durata
mezz’ora. Reperibile online (la fotografia è il filo rosso tra il campo di prigionia femminile di Ravensbrük e
quello di Mauthausen, e rappresenta l’oggetto da osservare ed analizzare come strumento per stimolare
l’intelligenza emotiva);
c. Incontro in modalità di videoconferenza con Ambra Laurenzi, autrice del documentario fotografico “Le Rose
di Ravensbrük”
d. Presentazione in modalità di videoconferenza del libro di Stefano Grego dal titolo “Intanto i vecchi non li
prendono”, in cui l’autore racconta l’esperienza diretta della madre durante il rastrellamento degli ebrei di
Roma dell’ottobre 1943;
e. Lettura finalizzata del testo della “Costituzione della Repubblica Italiana” e della “Dichiarazione Universale
dei Diritti Umani”.

 Tempi

 appr. 10 settimane. (dall’11/01 al 21/03/2021)

 Valutazione finale

 La partecipazione al concorso “Le parole della Memoria” prevede l’elaborazione di brevi testi in prosa e/o
poesia, di disegni, o di prodotti multimediali, scaturiti da riflessioni sui contenuti del film, del video, del libro
e della lettura finalizzata della Costituzione e della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani;
 Il concorso prevede l’assegnazione di premi consistenti in una copia del libro “Intanto i vecchi non li
prendono” di Stefano Grego ed in buoni da spendere per l’acquisto di libri sul tema;
 I premi saranno aggiudicati da una commissione giudicatrice (la cui composizione verrà stabilita
successivamente) ai prodotti che giungeranno entro il 21 marzo 2021. L’assegnazione dei premi avverrà
sulla base di criteri di valutazione stabiliti dalla commissione, in concomitanza con la celebrazione del 25
aprile anniversario della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo.

(*) Su richiesta delle singole scuole, l’ANPI di Vetralla mette a disposizione un “gruppo di lavoro” in grado di affiancare e supportare il compito dei docenti impegnati nella implementazione del percorso. Tale disponibilità include l’eventuale proposta di materiali e/o documenti utili alla didattizzazione del percorso.

________________________________________________________________________________________________

“Giorno della Memoria”, il sindaco di Vetralla Coppari e il consigliere Grego incontrano gli studenti. Da Tusciatimes

________________________________________________________________________________________________

22.4.2020

Cari Soci, Partigiani Vetrallesi,

Spero stiate tutti bene, al sicuro nelle vostre case e nell’affetto dei vostri familiari.

La nostra sezione intitolata a Renato Fabri, cittadino vetrallese martire delle Fosse Ardeatine, ha appena compiuto il suo primo anno di vita.

Non abbiamo potuto celebrare questa per noi importante ricorrenza a causa delle restrizioni che abbiamo dovuto – e dobbiamo tutt’ora – rispettare a tutela della salute nostra e di quella del nostro prossimo.

E purtroppo non è questa la sola rinuncia che la difficile situazione attuale ci ha imposto.

Siamo stati costretti, per cause di forza maggiore, ad annullare l’intero programma di eventi e manifestazioni che avevamo previsto di attuare nei mesi di marzo ed aprile, concordato a suo tempo con la cooperativa sociale “I Semi”, e che andava sotto il titolo di “Tra la polvere della memoria”.

Speriamo di riprendere presto le fila di questo discorso, per poterlo riproporre non appena circostanze più favorevoli ce lo consentiranno.

Abbiamo dovuto interrompere la campagna per il tesseramento 2020, iniziata il 22 febbraio e rimasta ferma, per ragioni oggettive, al raggiungimento di un numero di iscritti pari a poco più della metà di quello dello scorso anno.

Ma anche rispetto a questo speriamo di poterci riattivare in tempi ragionevolmente brevi.

L’unica cosa che le circostanze ci hanno permesso di (e, in qualche modo, indotto a) fare, è stata quella di adoperare una parte del nostro modesto fondo cassa per dare un contributo alla raccolta fondi promossa dal Comune di Vetralla, utilizzando così quanto risparmiato per le iniziative non attuate per andare incontro ai bisogni di quella parte della popolazione più duramente colpita dalle conseguenze dell’epidemia.

Ma la rinuncia forse più “dolorosa”, è quella di non poter celebrare degnamente la ricorrenza del 25 aprile, Festa della Liberazione, che quest’anno giunge al suo 75° anno di vita. L’anno scorso è stata la prima volta in cui una delegazione dell’ANPI ha partecipato alla cerimonia che si svolge tradizionalmente presso il Monumento ai Caduti di Vetralla. Siamo stati presenti, con orgoglio, con la nostra bandiera e i nostri fazzoletti, insieme alle altre associazioni combattentistiche.

Come ci ha già ricordato il nostro Sindaco (http://www.comune.vetralla.vt.it/upload/vetralla/documentiallegati/25APRILE_13660_1428.pdf), quest’anno non ci saranno cerimonie, né discorsi, né musica. Ma non mancheranno comunque neanche in questa difficile situazione le iniziative per ricordare il 25 aprile, ed onorare la memoria di quanti sacrificarono la propria vita per liberare l’Italia dall’oppressione nazifascista.

Ve ne segnalo qui alcune, invitando con l’occasione tutti voi ad aderire e partecipare nelle modalità che riterrete più opportune.

 

–         # iorestolibero  :

Oltre 1300 tra artisti, protagonisti della cultura, dello spettacolo e dello sport, per la Festa della Liberazione 2020, hanno firmato un appello per una piazza virtuale che avrà luogo in collegamento streaming a partire dalle 11 di sabato 25 aprile. L’iniziativa avrà inoltre scopo benefico, in quanto collegata alla possibilità di fare donazioni su GoFundMe per Caritas e Croce Rossa Italiana.

Per saperne di più: https://www.25aprile2020.it/

 

–         #bellaciaoinognicasa :

Il 25 aprile alle ore 15, l’ora in cui ogni anno parte a Milano il grande corteo nazionale, la Presidenza e la Segreteria nazionale dell’ANPI invitano tutti ad esporre il tricolore e ad intonare Bella Ciao.

“Facciamo sentire, in musica, dai balconi, dalle finestre, la forza della Liberazione, della Costituzione, dell’unità. In un momento intenso saremo insieme, con la Liberazione nel cuore”.

Per saperne di più: https://www.anpi.it/articoli/2298/il-25-aprile-il-paese-intero-canti-bella-ciao-ce-bisogno-di-speranza-e-unita

Vi ringrazio dell’attenzione.

Buon 25 aprile a tutti voi.

Saluti partigiani,

Paolo

_________________________________________________________________________________

14.2.2020

TesseramentoVetralla2020

24.1.2020

VetrallaGMemoria2020

13.1.2020

ATTIVITA’ SEZIONE A.N.P.I. VETRALLA GENNAIO-APRILE 2020

Calendario Completo ed aggiornato

Lunedì 27 gennaio (Giorno della Memoria) – ore 10 – Università della Tuscia – Viterbo – partecipazione alla cerimonia prevista per la posizione della lapide in memoria dei cittadini viterbesi ebrei internati nel carcere di S. Maria in Gradi e successivamente deportati nei campi di sterminio nazisti;
– Lunedì 27 gennaio (Giorno della Memoria) – ore 17.30 – Cinema Excelsior – Vetralla – proiezione del film “Anne Frank – Vite Parallele”;
Martedì 28 gennaio – dalle ore 10 alle ore 13 – Sala conferenze Palazzo Zelli – Vetralla – Nell’ambito del progetto “Tra la polvere… della Memoria” concordato con la Cooperativa Sociale “I Semi”: proiezione del documentario “Le Rose di Ravensbrück” di Ambra Laurenzi, incontro con l’autrice, interventi di esperti  docenti; dibattito con studenti e partecipanti;
Domenica 8 marzo (Festa della Donna) – Viterbo – adesione e partecipazione alla manifestazione “Non Una di Meno”;
Da martedì 10 a venerdì  20 marzo – dalle ore 15 alle ore 18 – Palazzo Zelli – Vetralla – Nell’ambito del progetto “Tra la polvere… della Memoria” concordato con la Cooperativa Sociale “I Semi”:
esposizione della mostra “La Catalogna bombardata”, realizzata da “Memorial Democratic” di Barcellona;
Sabato 14 marzo – dalle ore 10 alle ore 13 – Sala conferenze Palazzo Zelli – Vetralla  – proiezione di documenti video, interventi di esperti e docenti sul tema della mostra “La Catalogna bombardata”; dibattito con studenti e partecipanti;
Da venerdì 20 a lunedì 30 marzo – dalle ore 15 alle ore 18 – Palazzo Zelli – Vetralla – Nell’ambito del progetto “Tra la polvere… della Memoria” concordato con la Cooperativa Sociale “I Semi”:
esposizione mostra “Resistenza operaia a Berlino 1942-45”;
Sabato 28 marzo – dalle ore 10 alle ore 13 – Sala conferenze Palazzo Zelli – Vetralla  – Nell’ambito della mostra “Resistenza operaia a Berlino 1942-45” proiezione di documenti video, interventi di esperti e docenti; dibattito con studenti e partecipanti;
Sabato 4 aprile – Intera giornata – Viaggio in pullman a Roma organizzato dalla Sezione ANPI di Vetralla per visita guidata al Museo Storico della Liberazione di Via Tasso e al Mausoleo delle Fosse Ardeatine;
Da lunedì 20 a giovedì 30 aprile – dalle ore 15 alle ore 18 – Palazzo Zelli – Vetralla – Nell’ambito del progetto “Tra la polvere… della Memoria” concordato con la Cooperativa Sociale “I Semi”:
esposizione della mostra  “Non era giusto non fare niente” – La resistenza della famiglia Baroncini, a cura di ANED, Bologna;
Sabato 25 aprile (Festa della Liberazione) – dalle ore 16 alle ore 20 – Sala conferenze Palazzo Zelli – Vetralla  –  Conferenza/dibattito sul tema  “Le donne della Resistenza, ieri e oggi”.

____________________________________________________________________________

24.10.2019

Una bella immagine di Teresa durante il suo intervento all’assemblea fondativa della nostra Sezione ANPI di Vetralla. Ha voluto anche in questa occasione condividere con noi il suo entusiasmo e la sua passione per le battaglie di libertà e di giustizia che hanno sempre contraddistinto il suo impegno politico. Pur essendo iscritta a Viterbo, Teresa ha seguito con grande interesse ed affetto fin dall’inizio il processo di costruzione della nostra sezione, e più volte ci ha manifestato il suo desiderio di collaborare e la sua disponibilità a partecipare alle nostre iniziative. Ci mancherà tantissimo, ma porteremo sempre con noi vivo e presente il ricordo di lei, e faremo del nostro meglio per seguire il suo esempio ed i suoi insegnamenti.

TeresaDeBlasi

____________________________________________________________________________________________________

6.9.2019

CoppariVetralla

“(…) Quello che il libro scoperchia è un autentico verminaio. Una storia di tangenti e appalti, di capitali che trovano riparo all’estero, di raccomandazioni, di festini e di sesso, di cricche e di prestanome; un intreccio perverso tra politica e affari, alla faccia del rigore e dell’onestà tanto proclamati dalla propaganda fascista. Vicende a tratti grottesche, con fughe rocambolesche, rotoli di banconote nascosti nell’acqua degli sciacquoni del water, tesori sepolti in giardino. Verbali di sequestro dettagliati e scrupolosi che testimoniano gli illeciti arricchimenti del fascismo: ville favolose, palazzi, pellicce, arazzi, gioielli scintillanti, fino al numero di posate in argento, all’ultima pantofola, calza e mutanda dei gerarchi inquisiti. Solo in piccola parte questi patrimoni torneranno nei bilanci dello Stato. Alla ribalta salgono nomi eccellenti. Si scopre ad esempio che Alessandro Pavolini, il Robespierre nero, ministro del Minculpop, boss del cinema di regime, è pronto a tutto, anche a cambiare le leggi, pur di far felice l’amante, l’attrice e icona sexy Doris Duranti (la prima, assieme a Clara Calamai, ad apparire sullo schermo con il seno nudo). L’integerrimo Roberto Farinacci, l’ideologo della purezza fascista, ha accumulato un patrimonio di centinaia di milioni: niente male per un ex ferroviere diventato avvocato copiando la tesi di laurea. Edmondo Rossoni, ex leader sindacale, considerato «la migliore forchetta del regime» e non solo perché usa pasteggiare con posate d’oro, si è invece costruito nel Ferrarese un vero e proprio impero immobiliare. Il mercimonio e la corruzione non risparmiano neppure le pratiche per ottenere l’arianizzazione: diversi ebrei per sfuggire in questo modo alle leggi razziste sono costretti a versare ai gerarchi fascisti pesanti tangenti. C’è poi Mussolini e i suoi «affari di famiglia», con gli intrallazzi di Galeazzo e Edda Ciano, l’avidità di donna Rachele e la rapacità del clan della famiglia della sua amante Claretta Petacci. Un libro necessario quello di Canali e di Volpini, che smitizza una volta di più le presunte virtù del fascismo italiano, che fu un regime dittatoriale, guerrafondaio e razzista e non brillò neppure per integrità morale, lasciando all’Italia repubblicana una triste e penosa eredità di corruzione della politica e della burocrazia”.

(dall’articolo di Mario Avagliano “La tangentopoli del duce” pubblicato su Il Mattino del 26 agosto 2019)

___________________________________________________________________________________

17.07.2019

L'immagine può contenere: 1 persona

_________________________________________________________________________________

25 .04.2019

VETRALLA FESTEGGIA IL 25 APRILE GIORNATA DELLA LIBERAZIONE

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi, albero e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: una o più persone, persone in piedi, albero, cielo, spazio all'aperto e natura

_______________________________________________________________________________

24.04.2019

AnpiVetralla

__________________________________________________________________________________

L'immagine può contenere: 4 persone, tra cui Paolo Coppari, persone sedute, tabella e spazio al chiuso

Assemblea fondativa della Sezione “Renato Fabri” di Vetralla. Aula Consiliare del Comune di Vetralla – Domenica 14 aprile 2019. 

Be Sociable, Share!