Anpi e Ambiente 2022

10.4.2022

Isde di Viterbo: “Acque captate dal lago di Vico ancora inadatte all’uso umano. Per tutelare la salute necessario rifornire da subito di acqua potabile e con mezzi alternativi le popolazioni di Caprarola e Ronciglione”

Associazione medici per l’ambiente- Isde di Viterbo: “Acque captate dal lago di Vico ancora inadatte all’uso umano. Per tutelare la salute necessario rifornire da subito di acqua potabile e con mezzi alternativi le popolazioni di Caprarola e Ronciglione”

 Da oltre 15 anni l’Associazione medici per l’ambiente- Isde (International society of doctors for the environment) di Viterbo studia, documenta e segnala il degrado dell’ecosistema del lago di Vico e i possibili e connessi rischi per la salute delle popolazioni residenti nei due comuni rivieraschi.

L’Isde è più volte intervenuta anche presso le competenti Istituzioni italiane ed europee perché le popolazioni di Caprarola e Ronciglione siano rifornite di acqua potabile da assumere in piena sicurezza. Purtroppo su questo fronte dobbiamo tornare a denunciare la mancanza di interventi appropriati e risolutivi a fronte di documenti, studi e atti regionali che motivano e supportano la grave preoccupazione e le richieste innumerevoli volte reiterate della nostra Associazione.  

Nei giorni scorsi abbiamo preso visione della documentazione resa disponibile dalla Asl di Viterbo circa i giudizi d’idoneità relativi alle acque erogate ad uso umano nei comuni di Caprarola e Ronciglione (periodo giugno 2021 – gennaio 2022).

La documentazione conferma ancora una volta, e purtroppo, i giudizi negativi relativamente alla qualità delle acque erogate nei due acquedotti comunali, a causa del noto e ultradecennale degrado dell’ecosistema lacustre, causato dalle attività antropiche che si svolgono nella sua caldera- per la maggior parte legate alla monocoltura del nocciolo- e per l’inefficienza dei sistemi di potabilizzazione.

In particolare nelle comunicazioni al sindaco di Caprarola del giorno 8 giugno 2021 numero di protocollo 44295 e del giorno 11 gennaio 2022  numero di protocollo 1923, come in quelle al sindaco di Ronciglione del giorno 8 giugno 2021 protocollo n. 44296 e del giorno 11 gennaio 2022 protocollo n.1925, il Dipartimento di Prevenzione Servizio Igiene Alimenti Nutrizione Acque Potabili della Asl di Viterbo,  scrive:  “… acqua non potabile per la rilevante presenza di Cianoficee  (fra cui anche la specie potenzialmente tossica Planktothrix rubescens) e tossine algali, parzialmente abbattute dall’impianto di potabilizzazione.…”.

Sempre da questa stessa documentazione disponibile si evincono, in alcuni esami, superamenti per il parametro Arsenico – elemento cancerogeno certo di Classe 1 secondo la classificazione della Agenzia internazionale di ricerca sul cancro – Iarc, del Boro e presenza di batteri coliformi nelle acque in distribuzione.

Come noto, nei due Comuni persistono di conseguenza e da anni ordinanze di non potabilità dell’acqua che attestano il possibile rischio per la salute dei residenti per esposizione cronica e di lungo periodo

https://www.asl.vt.it/Cittadino/arsenico/localita.php?ms=caprarola

(ordinanza n.92 del 28/12/2012)

https://www.asl.vt.it/Cittadino/arsenico/localita.php?ms=ronciglione

(rete idrica lago di Vico – ordinanza n.11 del 19/01/2015- rete idrica fogliano -ordinanza n.135 del 25 luglio 2017).

 

L’Isde di Viterbo, per la documentazione sopra richiamata, resa disponibile dalla Asl di Viterbo, e in considerazione:

·       della Deliberazione del n. 276 del 19 maggio 2020 della Giunta regionale del Lazio che indica nella classificazione inferiore alla categoria A3 le acque lacustri vicane per la produzione di acqua potabile e stabilisce che: “… tali acque possono essere utilizzate, in via eccezionale, solo qualora non sia possibile ricorrere ad altre fonti di approvvigionamento e solo dopo opportuno trattamento…” e 

·       delle conclusioni dello studio CyanoAlert Horizon 2020, per quanto di pertinenza dell’Istituto Superiore di Sanità-Iss nelle quali si legge: “…Poiché oltre che Riserva naturale e zona SIC il lago di Vico è tutelato in qualità di fonte di approvvigionamento idropotabile, la presenza di cianotossine, conseguenza delle fioriture di specie tossiche dovute allo stato trofico delle acque del lago, rende l’eventuale uso delle acque per fruizione limitato a situazioni di emergenza, in assenza di altri approvvigionamenti disponibili con mezzi congrui e richiede delle misure di trattamento di elevata e provata efficienza”,

torna a chiedere urgentemente a tutte le Istituzioni per quanto di loro competenza di interrompere la captazione di acqua dal lago di Vico e di rifornire di acqua potabile con mezzi alternativi le popolazioni di Caprarola e Ronciglione.

Associazione medici per l’ambiente- Isde di Viterbo

 __________________________________________________________________________

21.3.2022

22 marzo 2022: Giornata mondiale dell’acqua

Associazione medici per l’ambiente- ISDE di Viterbo: “Tutelare le risorse idriche per una vita sana, dignitosa e in condizioni di Pace. Nell’Alto Lazio tutelare le risorse idriche anche attraverso interventi di contrasto alla monocoltura delle nocciole”

 

Leggi tutto

______________________________________________________________________________________

17.3.2022

Riaprire le centrali a carbone è una scelta sbagliata e dannosa


Pubblicato il 17 Marzo 2022

Come medici abbiamo l’obbligo morale e deontologico di indicare le scelte più giuste per la tutela dell’ambiente, del clima, della salute e della pace, esse sono, in campo energetico, la produzione di energia con sistema solare, solare-termico, idrico e minieolico.

Leggi l’articolo

 

___________________________________________________________________________________________

12.2.2022

La tutela dell’ambiente, della biodiversità e degli ecosistemi entra in Costituzione. L’Aula della Camera ha definitivamente approvato la proposta di legge costituzionale che modifica in tal senso due articoli della Carta, il 9 ed il 41. Il testo, alla seconda lettura alla Camera, è passato a Montecitorio con 468 voti a favore, un contrario e sei astenuti.

    Il Senato lo aveva approvato con la maggioranza dei due terzi lo scorso 3 novembre. Di conseguenza, entra subito in vigore e non è sottoponibile a referendum.

L’art 9 sancisce l’aspettò conservativo e il 41 sancisce che le attività private non debbono arrecare danno a ambiente e salute, importanti da leggere le note di accompagnamento (storia Ilva Taranto)

A noi dell’Anpi ancora una volta spetta di fare i partigiani ovvero metterci a difendere  la Costituzione, oggi ampliata per gli aspetti di tutela ambientale. Ci spetta di  fare tutto ciò che è ancora  necessario perché sia attuata. Certo di cammino da fare ce ne è ancora tanto e non possiamo  perderci in chiacchiere. La memoria  storica che custodiamo  inclusiva di ogni fase, evento ed avvenimento, così si fa presente e così si lancia nel futuro. Quello che speriamo migliore per le sorti di tutta l’umanità è il pianeta. Comunque oggi è una buona giornata!

Antonella Litta

Dopo tante modifiche peggiorative della nostra Costituzione finalmente una modifica in senso positivo

__________________________________________________________________________________________

27.1.2022

Giustizia climatica e impatto su ambiente, salute e clima prodotto dal trasporto aereo

… la giornalista Rossana Mauri intervista la dottoressa Litta, medico, referente e coordinatrice, da oltre 15 anni. per l’Associazione medici per l’ambiente- ISDE, del  gruppo di studio sul tema: “Il trasporto aereo come fattore di inquinamento ambientale e rischio per la salute”.  Nella conversazione si  ragiona  anche degli attuali stili di vita, che se solidali, in ogni nostra azione quotidiana, individuale e collettiva, come anche nella scelta delle modalità di viaggiare- in particolare  del viaggiare in aereo- hanno effetti  sul presente e si proiettano nel futuro. …

Leggi tutto

Be Sociable, Share!