E’ deceduto Delfino Santaniello, figura storica dell’impegno per la legalità, la democrazia e l’antifascismo.

7 Dicembre 2022 Nessun commento »

Associazione nazionale partigiani d’Italia

Comitato Provinciale di Viterbo

E’ deceduto Delfino Santaniello

Il Comitato provinciale, insieme alle sezioni viterbesi dell’Anpi partecipa al dolore della famiglia per la perdita di Delfino Santaniello, figura storica dell’impegno per la legalità, la democrazia e l’antifascismo. Una persona buona e di  acuta intelligenza che ha saputo dare vita compiutamente nel suo lavoro come rappresentante e servitore delle Istituzioni ai valori della nostra Carta Costituzionale.

 L’Anpi oggi piange anche la perdita di un grande e sincero amico, sentito con affetto, stima e riconoscenza  come presidente onorario del Comitato provinciale.

I funerali si svolgeranno venerdì 9 dicembre 2022 alle ore 11 presso la Sala “Luigi Brutti” della parrocchia Sacra Famiglia a Viterbo.

Di seguito un ricordo personale di Enrico Mezzetti presidente del Comitato provinciale dell’Anpi.

Nota per la stampa a cura del Comitato Provinciale Anpi

Viterbo, 7 dicembre 2022

***

Ieri, martedì 6 dicembre, dopo una lunga malattia affrontata con grande coraggio, è venuto a mancare Delfino Santaniello, uomo delle Istituzioni.

Ebbi l’onore di  conoscerlo, lui commissario di Polizia, capo della Digos alla Questura di  Viterbo, io militante comunista carico di diffidenza, che ancora oggi non mi sembra fosse allora  del tutto ingiustificata. In quegli anni Delfino con il suo collega Cristiano Calandrini stava organizzando a Viterbo il Siulp, il primo Sindacato di Polizia per la smilitarizzazione del corpo,  la sua riforma e sindacalizzazione.

Ricordo un incontro ed un viaggio a Roma, a fine degli anni 70: lui e Cristiano, io e Quarto Trabacchini, segretario della federazione del PCI di Viterbo.

Loro con una gran voglia di comunicare e di superare le diffidenze che percepivano affioranti verso di loro dal nostro bagaglio culturale e dal nostro vissuto politico.

Per me era un’esperienza del tutto nuova, quasi la scoperta de “l’altra faccia della luna”, perché Delfino incarnava in quella occasione e continuò ad incarnare in seguito  ll  volto umano e democratico  delle Istituzioni.

Quel  rapporto nei decenni  è cresciuto, è diventato un rapporto personale fatto  di stima, amicizia ed  affetto.

Sono trascorse tante stagioni, ci siamo frequentati, siamo invecchiati e negli ultimi anni ci siamo ritrovati sul campo insieme.  Impegnati a tenere alta quella che noi riteniamo la bandiera della  difesa della democrazia e della libertà, la bandiera  nell’ANPI, di  una Associazione di  cui moralmente, Delfino, con la sua trasparenza,  la assenza di fini personali, con la limpidezza dei suoi valori, era riconosciuto da noi come  Presidente onorario.

L’ho sentito l’ultima volta due giorni fa: parlava con consapevolezza, grande coraggio e dignità delle sue condizioni di salute ormai appese a un filo.

Ma anche in questa ultima occasione, ha voluto esprimere parole di apprezzamento e incoraggiamento per la vita della Associazione a cui ha dato tanto, tantissimo.

Grazie Delfino,

non ti dimenticheremo, la tua figura morale ed impegno saranno  stimolo ed esempio per continuare il nostro impegno.

Enrico Mezzetti

Presidente provinciale ANPI Viterbo

Pagliarulo: “La lettera del Ministro Valditara è un manifesto anticomunista pieno di rimozioni”

23 Novembre 2022 Nessun commento »

Il Presidente Pagliarulo intervistato da Domani sulla lettera del Ministro Valditara in cui si invitano le scuole ad aprire una riflessione sul 9 novembre “Giorno della libertà”, istituito per legge come ricorrenza della caduta del muro di Berlino. Il testo integrale dell’intervista pubblicata il 10 novembre

Leggi l’articolo

MANIFESTAZIONE NAZIONALE EUROPE FOR PEACE

5 Novembre 2022 Nessun commento »

Intervento dal palco, tra gli altri, il Presidente nazionale ANPI, Gianfranco Pagliarulo

 

https://youtu.be/WphX-mqT2z8

 

Relazione di Gianfranco Pagliarulo al Comitato nazionale del 29 ottobre 2022

4 Novembre 2022 Nessun commento »

Pagliarulo: "L'ANPI condanna fermamente l'invasione dell'Ucraina e non  faccio alcuna autocritica sull'allargamento ad est della Nato"

Viviamo un tempo di cose straordinarie. Per questo svolgiamo oggi il terzo Comitato Nazionale nel giro di poco più di 40 giorni. Il 17 settembre abbiamo discusso sulla campagna elettorale, il 1° ottobre abbiamo analizzato l’esito del voto e i nostri compiti ed adesso apriamo una riflessione sul nuovo governo. Se il buongiorno si vede dal mattino, i primi segnali sono preoccupanti. Mi riferisco alla confusa proposta di elevare il cash fino a un possibile tetto di 5.000 euro, alla liberalizzazione delle cautele anticovid, rispetto a cui il Presidente della Repubblica è intervenuto in palese chiave critica, alle preoccupanti dichiarazioni del nuovo ministro dell’Interno Piantedosi che, dopo le cariche alla Sapienza di Roma, ha affermato di “monitorare i professionisti della sommossa”, e ancora all’annunciato blocco delle due navi Ong. Ma queste sono tessere, dettagli di un cambiamento profondissimo che avverrà presumibilmente da oggi in poi come avevamo ovviamente immaginato alla luce dell’esito elettorale. A maggior ragione, dopo la formazione del governo Meloni, non dobbiamo cadere nella trappola né del catastrofismo, cioè della disperazione, né della minimizzazione come se fosse possibile continuare con l’ordinaria amministrazione. Siamo pienamente consapevoli della rottura avvenuta, e cioè un governo ad egemonia di estrema destra che presenta un programma, sia pur ancora parziale e contraddittorio, conforme alla sua natura. I nuovi Presidenti della Camera e del Senato sono personalità dell’estrema destra, uomini di frontiera, alla Camera un oscurantista dichiarato e al Senato un uomo di storia, cultura e princìpi di origine fascista. Essi, come rappresentanti delle istituzioni, vanno pienamente rispettati. Ovviamente diverso è il giudizio sulle persone e sulle loro biografie. Va comunque ricordato che le elezioni sono state vinte da un’alleanza a trazione sovranista e conservatrice, e che chi dà le carte nell’alleanza è una formazione politica che non ha mai sciolto definitivamente il legame ancestrale col Movimento Sociale. La stessa occupazione dei due incarichi da due uomini della maggioranza non è una novità perché quantomeno dal 1996 chi ha vinto le elezioni decide entrambe le caselle. 2 Aggiungo che non dobbiamo meravigliarci di una sorta di fascino discreto, sotterraneo direi, del fascismo e dell’oscurantismo, perché questo è il vento che spira forte sull’intera Europa, come documentato nel recente convegno promosso dalla FIR e dall’Associazione dei partigiani serbi a Belgrado. Non c’è da stupirsi quindi della seduzione che può esercitare una donna ancora giovane, di origini modeste, che arriva al più alto scranno del potere esecutivo con una biografia di impegno politico dal suo punto di vista coerente. Viene vista come una donna che si fa da sé con intelligenza e passione e così si afferma una “self made woman”, con un pizzico di mito americano e un pizzico di emancipazione. Ma la persona è ancora più complessa perché, come vedremo, per quel che si capisce dal suo discorso programmatico, potrebbe presentarsi come una specie di signora Thatcher 2 seppure in salsa romana. Ma ancora di più la Meloni cerca di proporsi come rappresentante del popolo-nazione incarnando una sorta di nuova Evita Peron che non a caso ha uno dei posti d’onore nel Pantheon dell’estrema destra italiana. Uso volutamente le parole “popolo” e “nazione” perché la parola nazione ricorre consapevolmente nei suoi discorsi in contrapposizione e in concorrenza con le altre nazioni e con gli altri popoli. Il problema non è la parola in sé, fra l’altro citata, sia pur in accezione diversa, in Costituzione, ma l’uso che ne fa la Meloni come la dimensione in cui si superano le contraddizioni sociali e si immagina un popolo indistinto, unito, privo di conflitto sociale e contrapposto a qualsiasi avversario. Rimane però la contraddizione fra la freschezza di questa signora e il suo governo, prevalentemente di maschi, ceto politico, espressioni di un altro tempo politico e perciò retrogradi e superati. Non è affatto un governo di alto profilo. La grande assente nei suoi discorsi programmatici è stata la nuova legge di bilancio. Solo quando sarà presentata sarà possibile capire, in concreto, gli orientamenti economico-sociali che intende dare al nostro Paese. Per ora sono però chiare le linee che ha esplicitamente avanzato Giorgia Meloni. La chiave di lettura principale mi pare che sia il contrasto fra quella che lei ha chiamato democrazia decidente come modello di forma dello Stato contrapposta a quella che ha chiamato democrazia interloquente. In queste parole c’è l’enfasi della governabilità senza disturbare il manovratore, portando alle estreme conseguenze un processo di spostamento della centralità dalla rappresentanza alla governabilità avviatosi da circa trent’anni. 3 Credo che noi dobbiamo tenere la barra ferma sostenendo la democrazia costituzionale che è per sua natura assieme interloquente e decidente attraverso un equilibrio fra rappresentanza e governabilità e attraverso una rigorosissima divisione dei poteri. Abbiamo fatto bene a immaginare una campagna o comunque una priorità che ponga al centro il tema della difesa e dello sviluppo della democrazia costituzionale. L’incarnazione della democrazia decidente, come in sostanza ha detto Giorgia Meloni, è il semipresidenzialismo a cui aggiunge, per ovvii motivi di alleanze, l’autonomia differenziata, temi sui quali, come è noto, da tempo ci stiamo armando per un futuro contrasto politico e civile forse più ravvicinato del previsto. Il secondo punto in merito al suo discorso di insediamento è questo. Ha detto: “Non ho mai provato simpatia o vicinanza nei confronti dei regimi antidemocratici, fascismo compreso”. Non provare simpatia è ben diverso che condannare, rompere. Ho dichiarato che si tratta di una frase di circostanza, il minimo sindacale. Nella frase successiva la Meloni ha riproposto il mantra dell’equivalenza dei regimi antidemocratici novecenteschi, che richiama la risoluzione del Parlamento europeo del 2019 in cui si attribuisce al Patto Molotov-Ribbentrop la causa della Seconda guerra mondiale. Ferma rimanendo la critica a tutti i regimi antidemocratici, è evidente che si rimuove la specificità dei regimi nazifascisti e cioè la violenza come legittima forma della politica, la visione gerarchica della società, cioè l’apologia della diseguaglianza, il razzismo come connotazione inseparabile dei fascismi, il nazionalismo, cioè la degenerazione del patriottismo. Tant’è vero che la Meloni inorridisce davanti alle Leggi razziali come se non fossero nel DNA del fascismo a partire dal razzismo anti-slavo degli anni 20 e quello anti-africano al tempo dell’Impero. Non solo: parlando in Spagna all’iniziativa di Vox si è distinta nella crociata antislamica denunciando il pericolo dell’invasione dei barbari, facendosi portavoce di uno dei volti delle nuove discriminazioni. Cosa non c’è nelle parole della Meloni? Non c’è alcuna condanna della marcia su Roma. Nell’accenno al tempo della strategia della tensione si sottintende l’assassinio di Ramelli ma non ci sono le violenze, gli omicidi e lo stragismo fascista degli anni 70. Bene ha fatto l’on. Roberto Scarpinato a intervenire con una dura requisitoria su questo tema. Rimane la fiamma nel simbolo del partito e cento altri segnali che rivelano il culto delle origini. Detto questo, va sottolineato che affermare che Fratelli 4 d’Italia è un partito tout-court fascista è a mio avviso un grave errore non solo perché allo stato delle cose non utilizza la violenza come forma legittima della lotta politica, ma anche perché il fascismo storico, regime terroristico e reazionario di massa e assieme biografia della nazione, per citare Togliatti e Gobetti, aveva una visione dello Stato – “tutto nello Stato, niente al di fuori dello Stato, nulla contro lo Stato”, parole di Mussolini del 28 ottobre 1925 – che non sembra oggi la linea della Meloni, che infatti ha affermato: “Il motto di questo governo sarà: non disturbare chi vuole fare”. È liberismo puro, l’esaltazione del mercato che si autoregola, zucchero e miele per Confindustria. Ma a ben vedere questa è la ricetta che ha condotto l’Italia al declino negli ultimi trent’anni. Non è stata presentata alcuna idea di politica industriale limitandosi a sottolineare la centralità del turismo, della bellezza, del made in Italy. Certo che queste doti vanno valorizzate, ma un Paese come il nostro non si può reggere solo sulla laguna di Venezia, la Cappella Sistina e i vestiti di Armani. Assieme, però, non si può negare che la mancanza di indirizzo della politica industriale è una tara storica di tutti gli ultimi governi italiani. A tutto ciò vanno aggiunte le proposte sulla flat-tax, l’attacco al Reddito di Cittadinanza, il contrasto al salario minimo, il condono, l’idea meritocratica della scuola. Si tratta di un insieme di segnali che prefigurano una società più o meno rigorosamente divisa in ceti, priva di ascensori sociali, insomma liberismo e gerarchia sociale. C’è anche da supporre, sul breve periodo, un atteggiamento per così dire dimesso nei confronti dell’Unione Europea, certo con qualche impuntatura, ma senza la prosopopea nazionalista dei mesi e degli anni scorsi. Il futuro dell’Unione europea dipenderà dai rapporti di forza nelle istituzioni europee e anche dal se e dal come si creeranno delle sinergie europee fra forze moderate e forze radicali di destra. Sia chiaro che la situazione nell’Unione Europea è pessima non solo perché siamo in presenza di un continuo rafforzamento delle forze cosiddette sovraniste, ma anche perché non c’è oggi alcuna guida politica degna di questo nome. Siamo davanti ad una direzione acefala, senza alcun segnale di autonomia, di strategia, di futuro, dove l’Unione di fatto coincide con la NATO. Mi riferisco a Ursula von der Leyen, Josèp Borrell, Charles Michèl, Roberta Metsòla.. 5 In questo scenario c’è da temere che non oggi ma domani, una volta raggiunta una determinata massa critica, le forze sovraniste, sostenute da un Paese fondatore, provino a cambiare radicalmente i connotati dell’Unione riducendola più o meno a un’alleanza fra nazioni. Nazioni, appunto. Sulla guerra la Meloni ha ribadito le posizioni atlantiste peraltro comuni a quelle del governo Draghi con tanto di telefonata al più potente, il Presidente americano. Vorrei sottolineare che non si tratta di una scelta sofferta, di un compromesso, di una necessità diplomatica, e neppure di una conseguenza della guerra in corso; infatti una parte della destra radicale italiana da tempo è profondamente connessa agli Stati Uniti d’America ed alla Nato. Non sto qui a ricordare, fra i tanti rimossi a causa della guerra, gli strettissimi e pluridecennali rapporti dell’eversione nera, e più in generale dei circoli dell’estrema destra, con la Nato. C’è da notare che a proposito della guerra la Meloni non ha mai pronunciato le parole “trattativa” o “negoziato”, difformemente dalla recente dichiarazione del Presidente della Repubblica. Come lei stessa ha specificato, la Meloni si propone a capo dei conservatori; non a caso è presidente dei conservatori e riformisti europei. Dovremo analizzare meglio che significato dà a questa parola, che è molto cambiato negli ultimi anni. Conservatore è l’ex leader inglese Johnson. Conservatrice è Liz Truss, meteora nel firmamento politico inglese, entrambi caratterizzati da una radicalità estranea al tradizionale costume dei Tories. Neocon è il nome della corrente conservatrice americana incarnata dal punto di vista politico da Bush Junior e dal suo governo, quelli dell’esportazione della democrazia. A suo modo è conservatore Donald Trump, l’uomo di “american first”. Nella prima metà degli anni Venti in Germania sorse il fenomeno culturale della rivoluzione conservatrice come reazione alla repubblica di Weimar e sotto la bandiera della mistica – appunto – della Nazione. Oggi i connotati della parola “conservatore” sono indefiniti e sono caratterizzati da note di oscurantismo, nazionalismo e in qualche caso isolazionismo. C’è da immaginare che Giorgia Meloni proverà a interpretare una via italiana al conservatorismo, meglio, alla rivoluzione conservatrice, alimentandosi con l’esperienza polacca, ungherese, spagnola per quanto riguarda Vox. Colpisce infatti nelle sue parole la ricorrenza del termine “dovere” e l’assenza del termine “diritti”. Un termine che in primo luogo rivolge a se stessa: “ho il dovere di”, cercando così di proporre un modello positivo di politica, come servizio e missione; ma in secondo luogo rivolge questa parola al Paese, alla 6 Nazione, come evocando una stretta. Nonostante le affermazioni rassicuranti, la nuova denominazione del Ministero delle Pari Opportunità, Ministero per la Famiglia, Natalità e Pari Opportunità, e la biografia del ministro Eugenia Roccella, aprono pericolosi varchi contro i diritti delle donne. È sicuramente a tema la questione dei diritti sia civili che sociali. Non dico niente sulle dinamiche interne alle forze di governo che comunque rivelano nodi e contraddizioni, segnalano vincitori, vinti e compromessi. Accenno alla situazione dell’opposizione, e cioè del PD, dei 5Stelle e del cosiddetto terzo polo. Il PD si trova in una situazione di drammatica inazione per una dialettica interna che immagino sia conosciuta da tutti voi e su cui non mi soffermo. È invece all’attacco il partito di Conte. Ma ciò che colpisce in questa situazione è l’alto livello di tensione tra queste tre forze e, in alcuni casi, le linee politiche diametralmente opposte. Dalla situazione economicosociale alla guerra, Conte e Calenda dicono l’uno il contrario dell’altro, mentre non è assolutamente chiaro quali siano oggi le linee del PD. Io penso che dobbiamo essere realisti essendo impensabile a breve termine una ricomposizione delle contraddizioni. Assieme, senza fare i primi della classe, dobbiamo provare a proporre su alcune cose concrete una linea unitaria. Penso alle leggi antifasciste che il PD ha già ripresentato; ci incontreremo nei prossimi giorni con alcuni parlamentari PD al proposito. Ma dovremo muoverci come in una cristalleria perché è evidente che le divisioni in atto fra i partiti non saranno facilmente superabili. Abbiamo parlato della questione dell’antifascismo il 1° ottobre, quando ho detto che esso non è più propriamente egemone nella società e nelle istituzioni. Val la pena tornare sull’argomento. Credo che sia giusto domandarsi da dove derivano le cause delle difficoltà dell’antifascismo oggi e cercare delle risposte comuni con la massima franchezza. Aggiungo però, per essere chiari, che l’antifascismo mantiene ancora una significativa tenuta ideale e pratica. Basti pensare non solo al 25 aprile 2022, ma anche alla grande partecipazione a tutte le iniziative in occasione dell’anniversario della marcia su Roma, ultima quella di ieri, voluta dall’ANPI, a Predappio. Sulle difficoltà dell’antifascismo: da più di trent’anni sono avvenuti comportamenti, dichiarazioni e specialmente fatti, alle volte grandi, alle volte apparentemente piccoli, che prima hanno avviato uno smottamento, poi una slavina e poi una valanga. 7 Ricordiamo tutti il discorso di insediamento del Presidente della Camera Luciano Violante del 10 maggio 1996. Io penso che quel discorso e tanti eventi avvenuti successivamente avessero un lato, immagino, nobile, e cioè il tendere a destrutturare l’anomalia fascista nel nostro Paese per così dire costituzionalizzandola. Non dimentichiamo che due anni prima Berlusconi aveva avviato un processo analogo nei confronti di Alleanza Nazionale, il famoso sdoganamento. Se è ragionevole pensare che ci fossero queste buone intenzioni, esse si sono dimostrate nel tempo un fallimento sempre più tragico causando l’esatto contrario. L’incarnazione di questo fallimento è esattamente il governo attuale, a guida post fascista. In mezzo, cioè in questi ultimi decenni, questa linea ha portato a una legittimazione strisciante ma crescente del ventennio, a una delegittimazione strisciante ma crescente della Resistenza, a una serie di strappi, o di tentativi di strappi al tessuto costituzionale sia dal punto di vista testuale, vedi i referendum del 2006, del 2016, del 2020 sulla riduzione del numero di parlamentari, sia dal punto di vista pratico, cioè della non applicazione della Costituzione. Faccio mie le parole di Liliana Segre. In Senato una settimana fa ha affermato che “Se le energie che da decenni vengono spese per cambiare la Costituzione – peraltro con risultati modesti e talora peggiorativi – fossero state invece impiegate per attuarle, il nostro sarebbe un Paese più giusto e anche più felice”. In questo scenario si collocano anche la riforma del Titolo V entrata in vigore nel novembre 2001, il voto favorevole della quasi totalità del centrosinistra sulla Legge del Ricordo che ha consentito la costruzione di un paradigma vittimario del fascismo che oggi è egemone in molte realtà locali; ancora, il voto sulla legge istitutiva della Giornata della Memoria del sacrificio degli alpini il 26 gennaio, quando gli alpini combatterono eroicamente a Nikolaevka non per difendere la nostra patria, ma per sconfiggere coloro che difendevano la loro patria dall’invasore. Aggiungo che in questi anni si è diffusa una letteratura politica anche di campo democratico che ha teso a minimizzare il pericolo di un nuovo fascismo, mentre si diffondeva a macchia d’olio, anche sul piano culturale, un’offensiva della destra sui partigiani dipinti come criminali. Sono stati approvati ordini del giorno regionali di messa all’indice della libera ricerca storica. 8 D’altra parte in questi trent’anni abbiamo assistito a un sempre più veloce aumento delle diseguaglianze sociali, frutto dell’attiva condivisione del sistema economico-sociale che chiamiamo neoliberista, peraltro con alcuni specifici provvedimenti come l’abolizione dell’Art. 18 e l’introduzione del jobact. Poi c’è la legge elettorale. Abbiamo così un parziale ritratto di alcune delle ragioni che hanno portato da un lato allo sfilacciamento dell’antifascismo come collante sociale generale e dall’altro alla sconfitta elettorale. Tutto ciò naturalmente è una parte della realtà, perché non va nascosto un impegno costante in particolare di alcuni parlamentari per varare leggi e provvedimenti antifascisti, né va nascosto il lavoro per l’espansione dei diritti civili. Ma non si può negare che lo scarso impegno per la difesa dei diritti sociali, della centralità del lavoro e della dignità delle persone, abbia contribuito ad accrescere la sfiducia popolare verso le forze democratiche. Mi sono soffermato sulle ragioni delle difficoltà dell’antifascismo, perché se è vero che la sconfitta elettorale è una sconfitta dell’insieme del mondo democratico antifascista, è anche vero che non l’abbiamo certo consentita. Mi riferisco non solo all’ANPI, ma più in generale a una larghissima area dell’associazionismo, avendo negli anni passati su ciascuno di questi punti come associazione o come rete nei modi possibili portato avanti un contrasto e una opposizione. Lo sottolineo sia perché mettere tutte le forze democratiche nello stesso sacco è storicamente e analiticamente sbagliato, sia perché oggi e più di ieri l’unico campo ragionevole da cui ripartire è proprio il campo dell’associazionismo. Da tutte queste considerazioni vorrei trarre alcune conclusioni. Io penso in primo luogo che il rapporto che dovremo avere con il governo Meloni debba svolgersi, come per ogni altro governo, sul terreno della critica o della condivisione di ciascun provvedimento o di ciascun elemento di programma, mantenendo, come detto più volte, la barra su due questioni: la difesa della democrazia costituzionale e la politica unitaria. Aggiungo che la polemica col governo che ci sarà certamente e per alcuni aspetti c’è già, deve essere fondata su argomenti solidi, portata avanti con serietà, rigore e toni non propagandistici. La questione non è scontata. Per essere più chiaro: non dobbiamo gridare al fascismo ad ogni piè sospinto, perché non saremmo esatti e non saremmo credibili. 9 Dobbiamo, invece, per quanto possibile metterci dal punto di vista del popolo, specialmente di quel 40% che non ha votato o ha annullato la scheda, intervenendo, per quanto ci è proprio e per quanto è possibile, sui temi scottanti della questione sociale, essendo oramai per così dire ufficializzato che andiamo verso una fase di recessione economica. È di ieri la notizia dell’inflazione all’11.9%. Questo mi pare che dobbiamo fare, se è vero in particolare oggi che l’antifascismo non è soltanto il contrasto a vecchi e nuovi fascismi ma è contestualmente l’impegno per la difesa e per l’attuazione della Costituzione. Per essere ancora più chiaro, se noi presentiamo l’antifascismo solo come una religione laica delle libertà e non assieme delle libertà e dell’eguaglianza sociale, non solo non rispettiamo il mandato costituzionale e il principio ispiratore della Resistenza, ma specialmente non siamo capiti da colui che ha la sua libertà in concreto dimezzata perché non riesce ad arrivare alla fine del mese. L’innovazione che dobbiamo sempre più mettere in pratica, e che a dire il vero è già in corso da tempo, è, come detto più volte, una sempre più intensa iniziativa civile e sociale dell’ANPI e la trasformazione delle stesse sacrosante iniziative di celebrazione del passato come occasioni per parlare anche dei problemi del presente. Questa è, per usare le parole che ho pronunciato al Congresso, la nuova narrazione della Resistenza, e cioè il provare a declinare qui ed ora i suoi valori: democrazia, libertà, uguaglianza, lavoro, solidarietà, pace. Ne deriva di conseguenza un fortissimo ampliamento e un perfezionamento della nostra attività formativa sia nell’ANPI che nelle scuole in base a un percorso di cui abbiamo parlato nei precedenti Comitati Nazionali e che vede impegnati il Vice Presidente Ferdinando Pappalardo e il responsabile della Formazione Paolo Papotti, assieme a un gruppo nazionale di compagne e compagni, circa una quindicina di persone. Questo gruppo sta lavorando alacremente superando come in tutte le cose gli scogli della vita quotidiana e i cui primi frutti saranno visibili, penso, a gennaio. Analogamente ci stiamo muovendo il Coordinamento donne che si riunirà domenica 6 novembre, e verso i nostri giovani compagni con qualche ritardo in più, ma mantenendo dritta la barra. Antifascismo rinnovato, o se volete nuova narrazione della Resistenza, larga apertura all’associazionismo, formazione, giovani, donne: se questo è il focus dell’iniziativa generale dell’ANPI, devo dire, come ho accennato, che recentemente ho partecipato a Belgrado a un incontro europeo di 10 associazioni partigiane di cui credo che vi parlerà Filippo Giuffrida, Vice Presidente della Federazione Internazionale dei Resistenti. Qui accenno soltanto che l’orientamento dell’ANPI che ho adesso espresso è nella sostanza l’orientamento della stragrande maggioranza delle associazioni sorelle di altri Paesi. C’è un repentino meritorio cambio di passo dell’insieme delle associazioni aderenti alla FIR che apre prospettive positive per un lavoro antifascista su scala continentale. Aggiungo che abbiamo partecipato ad un incontro promosso dalla Confederazione Europea dei Sindacati teso a dar vita a una rete europea antifascista di natura sindacale ed associazionistica; ovviamente ne facciamo parte e altrettanto ovviamente abbiamo proposto alla FIR di costruire una relazione organica con la Confederazione Europea dei Sindacati. Si tratta, insomma, di contribuire alla costruzione di un ampio fronte sociale antifascista in Europa. Intanto noi continuiamo ad andare avanti sulla linea unitaria in primo luogo rispetto alle altre associazioni partigiane antifasciste italiane, il Forum, che si è recentemente riunito trovando diversi punti di convergenza che abbiamo trasformato in un documento unitario. Per dirla in breve, ci stiamo muovendo sulle linee fondamentali decise dal Congresso sia dal punto di vista dell’analisi della situazione che si è dimostrata fondata e per molti aspetti ha anticipato quello che disgraziatamente è successo, sia dal punto di vista del programma di lavoro conseguente. Per il resto non vi annoio con il calendario che abbiamo deciso nel precedente Comitato Nazionale, che attueremo e che ha al centro esattamente questi due pilastri e cioè la democrazia costituzionale e la politica di unità a cominciare dalle associazioni. Ricordo soltanto che siamo in conclusione delle iniziative sulla marcia su Roma, fra cui vorrei sottolineare la bella non stop video sui social ideata e organizzata da Vincenzo Calò; aggiungo che fra poco si avvieranno gli attivi provinciali e interprovinciali grazie a cui potremo ascoltare e proporre nella sostanza le linee che abbiamo definito in questi tre Comitati Nazionali. Chiudendo, devo dire due parole sul tema della pace e della guerra allo stato delle cose. Sapete bene che dopo un lunghissimo lavoro comune con decine e decine di associazioni e con i sindacati è stata promossa per il 5 novembre una grande manifestazione nazionale per la pace a Roma. Se andrà bene 11 essa potrà innescare un processo virtuoso a livello europeo rompendo l’incantesimo del lungo silenzio del movimento per la pace a cui abbiamo assistito negli ultimi mesi. Per questo, pur rendendomi conto della straordinaria mole di lavoro a cui siamo tutti sottoposti, faccio un appello al fine di un impegno straordinario di tutto il gruppo dirigente nazionale per una altrettanto straordinaria partecipazione di tutti, a cominciare dagli iscritti all’ANPI. Faremo un pezzo di corteo con bandiere e striscioni; è quindi opportuno non disperdersi ma concentrarsi in un punto della piazza per essere visibili. Abbiamo, inoltre, avviato un rapporto con diversi membri italiani del Parlamento europeo del PD e dei 5Stelle in dissonanza con una recente risoluzione del Parlamento europeo dove non appare mai la parola “trattative”. Questi parlamentari si sono impegnati a costruire un più ampio incontro con i parlamentari europei su questi temi a cui parteciperemo, con il Movimento europeo, l’Arci e il direttore dell’Avvenire, presentando l’appello sottoscritto sui temi di un nuovo ruolo dell’Unione Europea e dell’Onu per il negoziato e la trattativa. Su questi temi abbiamo sottoscritto una dichiarazione congiunta con le associazioni partigiane sorelle della Slovenia e della Croazia, che vi abbiamo inviato ieri pomeriggio in allegato assieme al documento finale della conferenza di Belgrado e al documento del Forum approvato diversi giorni fa. Consentitemi un ultimo pensiero. C’è un terremoto che si sta svolgendo sotto i nostri occhi. Non sappiamo con esattezza come e quando si concluderà. Per alcuni aspetti noi, l’ANPI, abbiamo un piccolo vantaggio: avevamo un sismografo che l’aveva previsto. Assieme, sappiamo che, per gli effetti perversi della legge elettorale, alla vittoria in parlamento non corrisponde un corrispondente consenso sociale. Nel terremoto avviamo un nuovo viaggio, non sappiamo se sarà lungo, sappiamo che sarà difficile. Sappiamo anche che il viaggio di quei venti mesi grazie a cui esistiamo fu più difficile. Siamo tutti messi alla prova, una prova di volontà e di razionalità, di cuore e di cervello. Misuriamoci con la saggezza degli anziani ed il coraggio dei ragazzi. Viviamo un tempo di cose straordinarie. Ma questo è il tempo che ci è stato dato.

Mariano Buratti, educatore, partigiano, medaglia d’oro al valore militare

3 Novembre 2022 Nessun commento »

Questa mattina,2 novembre 2022, gli studenti del Liceo Ginnasio Mariano Buratti di Viterbo, hanno assistito ad una lezione di storia veramente speciale introdotta dalla dirigente Clara Vittori, alla presenza del Presidente Provinciale ANPI di Viterbo avv. Errico Mezzetti, il prof. Enrico Fuselli, il Colonnello della Guardia di Finanza Carlo Pasquali ed il regista Paolo Bianchini.
L’occasione è stata la presentazione del …

Vedi su TusciaTimes

Eventi

26 Ottobre 2022 Nessun commento »

Civita Castellana

in occasione del Centenario della marcia su Roma, il 28 ottobre 2022 alle ore 17.30 presso… Vai alla pagina della Sezione

Si è svolta venerdì 21 ottobre 2022 presso il complesso San Carlo dell’Università della Tuscia – l’iniziativa di studio “Il fascismo delle origini 1919-1922”. Grande attenzione e partecipazione tra i convenuti e folta la rappresentanza dei giovani studenti

24 Ottobre 2022 Nessun commento »

Conferenza 2022-10-21 at 16.57.52

Per non dimenticare

Tavolo per la Pace di Viterbo

19 Ottobre 2022 Nessun commento »

Manifestazione Pace

L’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha riportato la guerra nel cuore dell’Europa ed ha già fatto decine di migliaia di vittime e si avvia a diventare un conflitto di lunga durata con drammatiche conseguenze per la vita e il futuro delle popolazioni ucraine, ma anche per l’accesso al cibo e all’energia di centinaia di milioni di persone, per il clima del pianeta, per l’economia europea e globale.

Siamo e saremo sempre dalla parte della popolazione civile, delle vittime della guerra in Ucraina e dei pacifisti russi che si battono per porre fine all’aggressione militare. Questa guerra va fermata subito e va cercata una soluzione negoziale, ma non si vedono sinora iniziative politiche né da parte degli Stati, né da parte delle istituzioni internazionali e multilaterali che dimostrino la volontà di cercare una soluzione politica alla crisi.

Occorre invece che il nostro Paese, l’Europa, le Nazioni Unite operino attivamente per favorire il negoziato e avviino un percorso per una Conferenza internazionale di pace che, basandosi sul concetto di sicurezza condivisa, metta al sicuro la pace anche per il futuro.

Bisogna fermare l’escalation militare. Le armi non portano la pace, ma solo nuove sofferenze per la popolazione. Non c’è nessuna guerra da vincere: noi invece vogliamo vincere la pace, facendo tacere le armi e portando al tavolo del negoziato i rappresentanti del governo ucraino, di quello russo, delle istituzioni internazionali.

La popolazione italiana, nonostante sia sottoposta a una massiccia propaganda, continua ad essere contraria al coinvolgimento italiano nella guerra e a chiedere che si facciano passi concreti da parte del nostro governo e dell’Unione Europea perché sia ripresa con urgenza la strada dei negoziati.

Questo sentimento maggioritario nel Paese è offuscato dai media mainstream ed è non rappresentato nel Parlamento. Occorre dargli voce perché possa aiutare il Governo a cambiare politica ed imboccare una strada diversa da quella attuale. Per questo – a otto mesi dall’inizio della guerra –promuoviamo una nuova giornata nazionale di mobilitazione per la pace con iniziative in tutto il Paese per ribadire: TACCIANO LE ARMI, NEGOZIATO SUBITO!

Aderiscono, per il Tavolo per la pace di Viterbo: ANPI, ARCI, AUCS, AUSER, CARITAS diocesana, Casa dei diritti sociali, Circolo di Viterbo di Rifondazione Comunista, Comitato Non ce la beviamo, Aps. PARVA Casa delle donne, Rete degli studenti medi, Ass. Sans Frontière, USB Federazione del sociale, singoli/e cittadini/e.

Conferenza: Il fascismo delle origini

15 Ottobre 2022 Nessun commento »

21 ott 2022-10-15

Presentazione Libro

12 Ottobre 2022 Nessun commento »

Oggi molti rimpiangono i politici di una volta. Nella confusione generale e nel diffuso sentimento di antipolitica che ha portato – col pretesto della riduzione delle spese – alla riduzione degli spazi di democrazia e di rappresentatività causato …

Continua a leggere nella pagina della sezione di Orte (clicca in alto su Sezioni)

2022-10-12 at 09.37.43